Discesa: Il re della Val Gardena Nyman è imbattibile

saslong.org/wisthaler.com

saslong.org/wisthaler.com

Steven Nyman atto primo, atto secondo e ora terzo atto: dopo i successi nel 2006 e 2012, l’US-Boy oggi ha vinto la discesa della Val Gardena, centrando la sua terza vittoria in Coppa del Mondo, che corrisponde anche al suo terzo sigillo sulla Saslong. Eccezion fatta per il dominatore delle gare di velocità, Kjetil Jansrud (NOR; +0,31 sec), nessuno è riuscito ad avvicinarsi a Nyman. Il terzo posto è dell’idolo locale Dominik Paris (ITA, +1,15 sec).

Già nella prima e unica prova cronometrata Steven Nyman aveva messo le cose in chiaro, facendo registrare il miglior tempo e candidandosi per un posto sul podio. Il 32enne americano è uno specialista della Val Gardena. Le tre vittorie che ha ottenuto in Coppa del Mondo sono arrivate sempre sulla Saslong. Prima di arrivare in Alto Adige, in questa stagione aveva colto un terzo posto a Beaver Creek.

Nyman oggi è stato l’unico a non commettere errori: dall’inizio alla fine è stato perfetto. Nella sezione centrale fino alla Gobbe del Cammello lo statunitense ha rifilato alla concorrenza quasi un secondo e anche dall'uscita del Ciaslat fino al traguardo Nyman è stato, assieme a Kjetil Jansrud, il più veloce.
Jansrud è stato dunque l’unico a tenere abbastanza il passo di Nyman, giungendo all’arrivo con 0,3” di ritardo dal leader a stelle e strisce .

Al terzo posto si è piazzato Dominik Paris. L’altoatesino della Val d’Ultimo è arrivato in grande stato, come confermato dalle gare d’oltreoceano, e anche nella prova cronometrata sulla Saslong era stato tra i migliori. In gara ha conquistato il terzo posto, con un ritardo di 1,15 secondi da Nyman, e si è rifatto dopo aver pagato il conto con questa pista dodici mesi or sono. Un anno fa, infatti, era caduto in allenamento sul Ciaslat, procurandosi un infortunio che lo ha tenuto a lungo ai box. A proposito di pista: a causa del sottile manto nevoso, oggi la Saslong è stata particolarmente dura e faticosa. I salti, in particolare le Gobbe del Cammello, sono stati decisamente lunghi, con il Ciaslat molto mosso.

Che il Ciaslat fosse tosto, lo si è visto anche in occasione della caduta di Florian Scheiber. L’austriaco è stato sbalzato da una gobba ed è volato in aria, finendo nelle reti di protezione.

Francesi e svizzeri hanno disputato una bella prova di squadra. I transalpini con due atleti (Fayed e Clarey) e gli elvetici con quatttro (Zurbriggen, Feuz, Defago e Kueng) spopolano nella top ten. Il migliore degli austriaci è stato invece l’oro olimpico Matthias Mayer, settimo. In Val Gardena ora l’appuntamento è per domani, sabato, quando alle ore 12.15 partirà il Super G.