Saslong Classic Club / Gardena - Gröden
Str. Dursan, 37    |    I - 39047 St. Cristina
Tel. +39 0471 793450
e-mail: info@saslong.org
pec: saslong@pec.it
codice destinatario: MJ1OYNU
Part. IVA: IT01657370217

Audi FIS Ski World Cup Val Gardena / Gröden
Cerca
News

Kilde – e chi altro se no?

17.12.2021

Che la vittoria nella 54esima edizione della Saslong Classic sarebbe andata solo attraverso Aleksander Aamodt Kilde era già chiaro molto prima del suo miglior tempo nell’allenamento finale per la discesa libera di sabato. Ai piedi del Sassolungo il 29enne si sente a casa e ora è a caccia dei suoi prossimi successi sulla Saslong dopo la doppietta del 2020.

 

Che l’atleta da battere per vincere la 54esima edizione della Saslong Classic sarebbe stato Aleksander Aamodt Kilde era già chiaro molto prima che il norvegese ottenesse il miglior tempo nell'allenamento finale della discesa libera di sabato.

Kilde ha attualmente all’attivo otto vittorie in Coppa del Mondo, tre delle quali conquistate in Alto Adige. Per il norvegese, il tracciato della Val Gardena è diventato negli ultimi anni il suo parco giochi. "Non piace solo a me, ma anche a tutti i miei colleghi di squadra. Le condizioni della neve e le particolarità del tracciato si adattano molto bene a noi. Qui possiamo fare curve pulite e quindi ci sentiamo molto a nostro agio", ha analizzato Kilde.

Il vincitore della Coppa del Mondo 2019/20 ha da tempo seguito le orme del suo connazionale Aksel Lund Svindal, che detiene il record di vittorie sulla Saslong con un totale di sette trionfi tra Super- G e discesa. Quando gli si chiede del suo amore per la settimana di gare in Val Gardena, Kilde si entusiasma molto: "La gente simpatica, il buon cibo, le ottime sistemazioni - amo tutto di questo posto", dichiara lo scandinavo, che può guardare indietro ad un inizio di stagione stellare con due vittorie a Beaver Creek.

Come se non fosse mai stato via
L'inizio spettacolare di Kilde in Coppa del mondo questo inverno ha colto molti di sorpresa. Dopo tutto, Kilde si è strappato il legamento crociato solo nel gennaio 2021 e l’infortunio lo ha messo fuori uso per molti mesi, limitandolo notevolmente anche nella preparazione per la stagione olimpica.

Anche Kilde stesso è rimasto sorpreso del suo rapido ritorno in pista: "Dopo le prime gare a Lake Louise e Beaver Creek, pensavo di avere ancora bisogno di tempo per recuperare. Tuttavia sono riuscito ad ottenere una vittoria già nel secondo Super-G degli Stati Uniti e questa è stata una grande sensazione. Al momento non ho problemi con il ginocchio. Questo mi dà molta fiducia per le prossime gare", ha detto il norvegese.

Spalle larghe come ricetta per il successo
Visti i recenti risultati di Kilde in Coppa del Mondo e i risultati in Val Gardena degli ultimi anni, questo fine settimana tutti gli occhi saranno puntati su di lui. Tuttavia, questa grande pressione che ricade sulle sue spalle difficilmente lo influenza: "L'importante è avere fiducia in sé stessi. Questo è un fattore decisivo nello sci. Se si va in gara con le spalle larghe, è più facile mettere in pratica le cose che hai pianificato," sottolinea il 29enne.

Anche se Kilde affronta le gare sulla Saslong come favorito, conosce bene i punti di forza della concorrenza. "Ho molta fiducia in Ryan Cochran-Siegle. Ha uno stile molto bello ed è sempre forte in Val Gardena", dice cautamente lo scandinavo.

Oltre allo statunitense, che ha attirato l'attenzione su di sé l'anno scorso grazie al secondo posto in discesa libera, Kilde ha altri favoriti sulla sua lista: questa include Matthias Mayer, Vincent Kriechmayr, Beat Feuz e Dominik Paris, quattro sciatori che però non sono riusciti a piazzarsi nelle prime posizioni durante le prove. "Non si può paragonare l'allenamento con la gara. Quando si fa sul serio, possono succedere molte cose", è stato il commento del tre volte vincitore in Val Gardena, che da tempo ha messo gli occhi sui possibili trionfi numero quattro e cinque sulla Saslong.