Saslong Classic Club / Gardena - Gröden
Str. Dursan, 37    |    I - 39047 St. Cristina
Tel. +39 0471 793450
e-mail: info@saslong.org
pec: saslong@pec.it
codice destinatario: MJ1OYNU
Part. IVA: IT01657370217

Audi FIS Ski World Cup Val Gardena / Gröden
Cerca
News

Passaggi chiave della Saslong

17.12.2020

La venerabile Saslong ai piedi del Sassolungo è una delle piste più belle di tutto il circo bianco. Di seguito vi raccontiamo i tratti chiave della discesa lunga 3.446 metri.

Partenza: Ciampinoi (2.249 m / 45,54 % di pendenza)
La seconda discesa della Coppa del Mondo invernale parte dalla montagna di casa di Selva di Val Gardena.

Spinel (2.091 m / 56,90 % di pendenza)
Subito dopo la partenza si incontra il muro più ripido del percorso.

Saut dl Moro (2.018 m / 36,90 % di pendenza)
Il primo grande salto, che prende il nome dal prato del Moro.

Muri di Sochers (1.900 m / 55,90 % di pendenza)
Con una pendenza fino al 55,9%, prendono il nome dagli omonimi prati.

Gobbe di cammello (1.813 m / 51,27 % di pendenza)
Il marchio di fabbrica della Saslong, con salti di oltre 80 metri e sospensioni in aria fino a sei metri. Saltate per la prima volta nel 1980 dall'austriaco Uli Spiess. Originariamente chiamate "Costa de Gialina" (cresta di gallina) furono poi ribattezzate dal delegato della FIS Sepp Sulzberger.

Ciaslat (1.720 m / 30,18 % di pendenza)
Tratto curvoso che conta fino a 17 piccole e grandi gobbe. Il Ciaslat prende il nome dai prati di Ciaslat.

Curva di Nucia (1.550 m / pendenza del 51,60 %)
Fino al 51,6% di pendenza, curva fortemente inclinata a sinistra. Prende il nome dal Maso Nucia.

Salto del tunnel (1.489 m / 39,04 % di pendenza)
Salto prima del traguardo, che prende il nome dal tunnel della Saslong, completato nel 2009, che passa proprio sotto al salto.