Saslong Classic Club / Gardena - Gröden
Str. Dursan, 106    |    I - 39047 St. Cristina
Tel. +39 0471 793450
e-mail: info@saslong.org
pec: saslong@pec.it
codice destinatario: MJ1OYNU
Part. IVA: IT01657370217

News

Prime gare di velocità maschili della stagione in Val Gardena: "Una situazione insolita"

13.12.2023

Niente gare a Zermatt-Cervinia, molte cancellazioni anche a Beaver Creek: l'inizio della stagione non è stato finora sotto una buona stella per i velocisti. È una situazione totalmente nuova per gli atleti iniziare la stagione con le gare sulla Saslong. A termine del primo allenamento di discesa libera, abbiamo chiesto come questa situazione sconosciuta influisca sul loro stato d'animo e quali siano gli obiettivi dei corridori in vista della settimana di gare in Val Gardena. 

"Quest'anno iniziamo davvero in ritardo", ha detto un sorridente Dominik Paris, che ha subito aggiunto: "Non è stato piacevole con tutte le cancellazioni, perché bisogna prepararsi per le gare ed essere pronti a dare il massimo. Purtroppo il tempo è sempre stato il peggiore nei fine settimana. È un peccato, ma in uno sport all'aperto non si può fare nulla".

Vista la mancanza di pratica in gara, è difficile per l'atleta della Val d'Ultimo valutare esattamente la sua posizione: "Bisogna prima vedere qual è la propria condizione, perché non ci sono ancora state gare. In generale, però, mi sto allenando meglio dell'anno scorso". L'obiettivo di Paris in Val Gardena è alto: l'esperto atleta punta a piazzarsi tra i primi cinque o i primi otto.

Anche il favorito Aleksander Aamodt Kilde ha parlato di una "situazione strana". Tuttavia, questo non vale solo per lui, ma per tutti. "Personalmente penso che sia buono che l'apertura della stagione si svolga in Val Gardena perché semplicemente amo la Saslong", ha spiegato il norvegese. Anche senza risultati, Kilde sa che la vittoria in Val Gardena probabilmente avrà a che fare con lui: "Ci sono alcuni favoriti, ma io sono uno di loro".

"Tanto allenamento e tanta attesa".

Florian Schieder, che ha fatto il suo ingresso definitivo nell'olimpo dei migliori nell'ultima stagione di Coppa del Mondo, ha riassunto così le ultime settimane: "Molto allenamento e molta attesa. Tutt'altro che ideale, visto che mi piace gareggiare. Speriamo che vada bene qui in Val Gardena", ha detto l'uomo di Castelrotto. Il 28enne affronta le gare sulla Saslong con una sana dose di fiducia in se stesso: "Sono abbastanza fiducioso perché i risultati degli allenamenti a Zermatt-Cervinia e Beaver Creek - a parte il tratto pianeggiante - sono stati abbastanza buoni. Voglio fare bene qui a casa mia. Sono soddisfatto con un risultato tra i primi 15 - se rimango pulito, la top ten è certamente possibile".

L'esperto sciatore Christof Innerhofer non si è fatto scoraggiare dalle numerose cancellazioni. Il quasi trentanovenne (Inner compie gli anni il 17 dicembre, ndr) si è addirittura rallegrato dell'allenamento supplementare: "Dopo un autunno tutt'altro che ideale, non è stato male avere qualche giorno di allenamento in più. Non so esattamente a che punto sono, ma questo non mi preoccupa. Ora si tratta di trovare il ritmo giusto e di guardare di gara in gara".

Nonostante l'atleta di Gais in Val Pusteria sia salito sul secondo gradino del podio nel super-G 2018 in Val Gardena, non si aspetta troppo per le tre gare sulla Saslong: "Sarei contento di un risultato tra i primi dieci e i primi venti. I favoriti per i primi posti qui sono sicuramente altri".